Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Frutticoltura in generale e piante da frutto di comune coltivazione in Italia: per parlare delle piante da frutto rare e antiche. È la sezione principale del forum, dedicata a tutti gli aspetti della frutticoltura amatoriale in Italia. I frutti esotici non tropicali vanno in questa sezione.
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 2389
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
Zona USDA: 9a

Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da hereistay » giovedì 26 marzo 2020, 15:18

Non so da voi ma qui in Abruzzo già le società he gestiscono le reti idriche stanno mandando segnali di allarme per la prossima estate dicendo che già oggi le portate delle sorgenti sono sotto la soglia di allarme.
Premesso che qui l'acqua in estate viene già razionata da anni presumo per via dell'afflusso di turisti sulle coste (e/o per altri motivi di cui girano diverse voci) quest'anno sicuramente la situazione è critica non avendo avuto abbondanti nevicate sui monti però presumo che il problema legato al turismo non ci sarà...
Detto questo qui abbiamo pozzi artesiani comunali e, l'acqua che utilizzo per irrigare la prendo da lì, anche perché c'è una ordinanza che vieta l'uso dell'acqua potabile per irrigazione e lavaggio vetture e perché c'è, secondo me, troppo cloro a volte.
Siccome inizio ad aver timore che questi pozzi artesiani rimarranno a secco stavo pensando a come poter sfruttare l'acqua piovana.
Un mio vicino lungimirante ha messo sottoterra un grande serbatoio con delle condutture tali che l'acqua piovana vada a finirci dentro per poi poterla riutilizzare per il giardino (non so se anche per i water) con un sistema di irrigazione automatico.
Io, purtroppo, non ho soldi e modo per fare qualcosa del genere ma mi chiedevo se qualcuno di voi sfrutta l'acqua piovana in qualche modo e se poteva dirci come fa.
Stavo pensando di collegare un tubo alla grondaia di casa e riempire così un serbatoio ma devo trovare il modo per adattare il tutto.
Ho visto su youtube diverse idee per sfruttare l'acqua delle grondaie...
Avete esperienze in merito?
Grazie a tutti!
Allegati
aea51ca43d8b2fa4b41b682da13a2360.jpg
aea51ca43d8b2fa4b41b682da13a2360.jpg (53.11 KiB) Visto 71 volte
Avatar utente
christian
Messaggi: 1894
Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2017, 20:24
Provincia: Ancona
Località: Falconara Marittima
Zona USDA: 9a

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da christian » giovedì 26 marzo 2020, 15:26

Io ho solo un pozzo scavato da poco che non fa praticamente nulla, farà neanche 100l al giorno di acqua e probabilmente quando avrò tempo farò come il tuo vicino(nel senso che convoglio l'acqua nella cisterna del pozzo) ma se non piove non so cosa ci convogli dentro.
Il mio metodo vero però é quello che fa la natura, sto lasciando crescere un bel manto di trifoglio e lascio crescere anche le erbe selvatiche alte fino a 1m prima di tagliarle a non meno di 10cm.
In questo modo si minimizza l'evaporazione dell'acqua dal suolo, e quando piove non viene lavata via facilmente(il mio terreno é in pendenza).
Ci sarà concorrenza per i nutrienti, ma senza acqua non c'é vita quindi scelgo il male minore...
Avatar utente
Lory
Messaggi: 2301
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:16
Provincia: Estero (Outside Italy)
Località: Modena 45°N - Filippine 9.9 °N
Zona USDA: 14a

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da Lory » giovedì 26 marzo 2020, 15:38

Io ho collegato tre cubi di quelli da 1m3 ciascuno con le grondaiette di un piccolo garage in lamiera che ho nel frutteto.
3000 litri sembrano tanti ma con una quarantina di piante e un po' d'orto sono una bazzecola.
Con un clima normale si riempirebbero diverse volte l'anno, ormai siamo ridotti che da giugno a novembre inclusi è piovuto pochissimo poi anche da fine dicembre a praticamente adesso.
Pensa te, perfino adesso non sono piene....
Lorenzo
giovalx
Messaggi: 254
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2020, 23:11
Provincia: L'Aquila
Località: Tornimparte (730 m slm)
Zona USDA: 7b

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da giovalx » giovedì 26 marzo 2020, 16:10

Da diversi anni sto pensando di realizzare un paio di serbatoi sotterranei per un totale di 5-10k litri. Nei serbatoi convoglierei sia l'acqua piovana dai tetti, quando disponibile, ed in sua mancanza l'acqua del pozzo, ammesso che non si secchi. In tal modo avrei sempre disponibile una certa riserva.
Progetto che probabilmente non realizzò mai.
_________________________________________________________
Grazie a tutti i partecipanti a questo bellissimo ed utilissimo forum
Giorgio
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 1003
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
Zona USDA: 8a

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da Thomasdelgreco » giovedì 26 marzo 2020, 16:26

Anni fa avevo una vasca che raccoglieva L acqua , molto grossa , bastava per tutta L estate e di più , gli confluiva dentro tutta la pioggia del tetto, con annessa piccola colonia di pesci, poi ho fatto dei lavori e la vasca è stata distrutta , ora ho un pozzo che pesca acqua a soli 180 metri😅
giovalx
Messaggi: 254
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2020, 23:11
Provincia: L'Aquila
Località: Tornimparte (730 m slm)
Zona USDA: 7b

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da giovalx » giovedì 26 marzo 2020, 16:42

Thomasdelgreco ha scritto:
giovedì 26 marzo 2020, 16:26
. . . ora ho un pozzo che pesca acqua a soli 180 metri😅
Ti ci serve mezza centrale elettrica per tirare su l'acqua da quella profondità. 😮 .
Io fortunatamente ce l'ho a 12 metri. Purtroppo la portata è molto bassa(circa 2 lt/m), ma sino ad ora non si è mai seccato.
_________________________________________________________
Grazie a tutti i partecipanti a questo bellissimo ed utilissimo forum
Giorgio
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 1003
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
Zona USDA: 8a

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da Thomasdelgreco » giovedì 26 marzo 2020, 17:40

No è solo una pompa da 3kw
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 6745
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da Pancrazio » giovedì 26 marzo 2020, 18:45

hereistay ha scritto:
giovedì 26 marzo 2020, 15:18
Avete esperienze in merito?
Grazie a tutti!
Esperienze no, raccolto un po' di acqua piovana, ma niente di particolare.
Penso che per una valutazione ragionata del tutto occorra un po' di carta e penna, che sostanzialmente calcolino il consumo di acqua delle colture (per un albero si può ragionare nei termini di 150lt a settimana) e la superficie di captazione disponibile (di solito tetti) confrontata con la piovosità annua dell'area. Dati alla mano si può calcolare i volumi necessari e disponibili per le piante nel trimestre estivo.
E' abbastanza facile vedere che con questi valori, per essere "autonomi" per l'irrigazione di un albero per i tre mesi estivi, serve circa 1 metro cubo e mezzo d'acqua a pianta, che con 773mm di precipitazioni annue medie a Chieti, accumuli con circa 2 metri quadri di superficie disponibile.

Penso che se la carenza d'acqua è un problema così marcato occorra ragionarci in fase di scelta dei portainnesti favorendo la scelta dei più resistenti al secco, curando la pacciamatura, e applicando tecniche di aridocoltura.
Quello che non si condivide, si perde.
Tuttologo65
Messaggi: 122
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2016, 0:06
Provincia: L'Aquila
Località: Avezzano
Zona USDA: 7b

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da Tuttologo65 » giovedì 26 marzo 2020, 19:10

Thomasdelgreco ha scritto:
giovedì 26 marzo 2020, 16:26
, ora ho un pozzo che pesca acqua a soli 180 metri😅
Scusa la domanda...ma a che temperatura fuoriesce l'acqua? Immagino sia molto fredda, quindi dovresti accumularla e aspettare che si avvicini alla temperatura ambiente.....
Almeno io faccio così.....
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 1003
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
Zona USDA: 8a

Re: Metodi per far fronte alla eventuale crisi idrica della ventura estate?

Messaggio da Thomasdelgreco » giovedì 26 marzo 2020, 19:17

Non é freddissima , è intorno ai 12/15 gradi in base al periodo , non arriva mai alle piante così , ho una cisterna che si mantiene sempre piena e da lì attingo l acqua , praticamente a temperatura ambiente , altrimenti la pompa sommersa sarebbe sotto sforzo ogni qual volta apro un rubinetto , così ci son due pompe che si occupano di mettere in rete L acqua della cisterna
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti