Torreya

Frutticoltura in generale e piante da frutto di comune coltivazione in Italia: per parlare delle piante da frutto rare e antiche. È la sezione principale del forum, dedicata a tutti gli aspetti della frutticoltura amatoriale in Italia. I frutti esotici non tropicali vanno in questa sezione.
Avatar utente
ANGELO
Messaggi: 171
Iscritto il: sabato 21 novembre 2015, 18:42
Provincia: Milano
Località: NordOvest Milano
Zona USDA: 8a

Torreya

Messaggio da ANGELO » sabato 12 ottobre 2019, 21:18

ho trovato questi frutti ( commestibili) che mi hanno indicato come torreya

li conoscete ? che varietà ?
DSC02302.JPG
DSC02302.JPG (15.9 KiB) Visto 67 volte
Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!


[img]Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links![/img]
Arhus76
Messaggi: 47
Iscritto il: domenica 18 agosto 2019, 12:05
Provincia: Estero (Outside Italy)
Località: France
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da Arhus76 » domenica 13 ottobre 2019, 7:31

Non è torreya.
Né torrya grandis né torreya nucifera.

Non riesco a vedere la foto, ma forse un cefalotaxo. Si chiama anche tasso di prugna.

Hai assaggiato!

Sulla torreya è l'ammande che viene mangiata. la busta si apre come un dado e rimane verde. Hai bisogno di un albero maschio e un albero femmina.

Sono pazzo di aver assaggiato il cefalotaxo. Solo la polpa. Sto molto attento perché dice che è tossico ...
Avatar utente
ANGELO
Messaggi: 171
Iscritto il: sabato 21 novembre 2015, 18:42
Provincia: Milano
Località: NordOvest Milano
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da ANGELO » domenica 13 ottobre 2019, 22:55

esatto è un
Chinese plum yew
Cephalotaxus fortunei

non è tossico, le persone ne mangiavano i frutti
Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!


[img]Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links![/img]
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 1649
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da Iaia » domenica 13 ottobre 2019, 23:04

Sempre nei soliti negozietti? Sapevo di una conifera con frutti così, ma non pensavo si trovassero facilmente.
Avatar utente
ANGELO
Messaggi: 171
Iscritto il: sabato 21 novembre 2015, 18:42
Provincia: Milano
Località: NordOvest Milano
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da ANGELO » domenica 13 ottobre 2019, 23:08

ho trovato la pianta per caso in una villa privata
hanno un profumo intenso , resinoso
la pianta . una taxacea, bellissima forse centenaria
Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!


[img]Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links![/img]
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 1649
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da Iaia » domenica 13 ottobre 2019, 23:22

Che meraviglia trovarsi davanti a una pianta così! Che sapore hanno?
Avatar utente
ANGELO
Messaggi: 171
Iscritto il: sabato 21 novembre 2015, 18:42
Provincia: Milano
Località: NordOvest Milano
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da ANGELO » domenica 13 ottobre 2019, 23:26

sapore indecifrabile, bisogna assaggiarle

Il tasso cinese di prugne è originario del Myanmar settentrionale (Birmania) e della Cina e fu introdotto in Gran Bretagna dal botanico scozzese Robert Fortune nel 1848 dopo uno dei suoi numerosi viaggi in Asia e prese il suo nome (Cephalotaxus fortunei).

Ancora oggi questo bellissimo sempreverde è una rarità nei giardini occidentali. Pur parlando in senso stretto di un albero, di solito sviluppa una forma a più gambi con una corona aperta e vagamente arrotondata, che cresce raramente sopra i 6 m di altezza nella coltivazione, sebbene possa crescere fino a 20 m (65 piedi) nel suo habitat naturale.

Il fogliame del tasso cinese delle prugne è abbastanza distintivo. I suoi aghi sono disposti orizzontalmente su entrambi i lati del germoglio e possono crescere fino a 6 pollici. Gli aghi hanno una punta acuminata e sono di un colore verde lucido con due larghe fasce grigie o bianche sul lato inferiore.

I frutti olivastri emergono inizialmente sull'albero di un colore blu brillante e nel corso di due anni maturano nel verde fino a diventare un marrone scuro, appaiono in mazzi di quattro o cinque. Se si desiderano frutti, sono necessarie piante femminili con almeno un impollinatore maschio per consentire la produzione di frutti.

Si coltiva meglio in terreni umidi, sabbiosi e ben drenati nelle zone ombreggiate e tollera le condizioni ombrose meglio della maggior parte dei sempreverdi agugliati. Preferisce crescere in condizioni di ombra parziale in aree con estati calde. Le piante stabilite hanno un buon calore e un certo grado di tolleranza alla siccità. È moderatamente freddo, qui nella Francia centrale è sopravvissuto a temperature invernali di -20 gradi Celsius in luoghi riparati. L'eccellente tolleranza del tasso di prugna sia per l'ombra che per il caldo rende questa specie un interessante sostituto del tasso tradizionale (taxus) in zone più calde come gli Stati Uniti sud-orientali.
Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!


[img]Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links![/img]
Avatar utente
ANGELO
Messaggi: 171
Iscritto il: sabato 21 novembre 2015, 18:42
Provincia: Milano
Località: NordOvest Milano
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da ANGELO » domenica 13 ottobre 2019, 23:32

per essere pignolo, non è un frutto ma un arillo, tipico delle taxacee
Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!


[img]Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links![/img]
Avatar utente
ANGELO
Messaggi: 171
Iscritto il: sabato 21 novembre 2015, 18:42
Provincia: Milano
Località: NordOvest Milano
Zona USDA: 8a

Re: Torreya

Messaggio da ANGELO » domenica 13 ottobre 2019, 23:32

INFORMAZIONI DI GERMINAZIONE, SEMINA E DOPO LA CURA PER
PRUGNA CINESE (CEPHALOTAXUS FORTUNEI)

I semi di Plum Yew hanno una profonda dormienza al loro interno, questo richiede un certo grado di pazienza per superare. La semplice semina dei semi senza eseguire il periodo di stratificazione comporterà un basso numero di piantine.

Preparare innanzitutto un substrato drenante libero in cui mescolare i semi, questa può essere una miscela 50/50 di compost e sabbia acuminata, o perlite, vermiculite. Il substrato scelto deve essere umido (ma non bagnato), se riesci a spremerlo con la mano, è troppo bagnato e i tuoi semi potrebbero annegare e morire. Mescola i semi nel substrato, assicurandoti che il loro volume sia sufficiente per mantenere separati i semi. Metti la miscela di semi in un sacchetto di plastica trasparente (i sacchetti per congelatore, in particolare i sacchetti con chiusura a zip sono molto utili per questo, a condizione che rimanga un piccolo spazio nel sigillo per lo scambio d'aria) Se non è un sacchetto con chiusura a zip, deve essere allentato. Quindi scrivi la data sulla borsa in modo da sapere quando è iniziato il pretrattamento.

I semi richiedono prima un periodo di pretrattamento caldo e devono essere tenuti a temperature di 20 ° C (68 ° F) per un periodo di almeno 16 settimane. Durante questo periodo, assicurarsi che il mezzo di pretrattamento non si asciughi in nessuna fase o sarà inefficace!

Successivamente i semi richiedono un periodo freddo per rompere la parte finale della dormienza, questo è facilmente ottenibile posizionando il sacchetto in frigorifero a (4 ° C o 39 ° F) per 12 settimane. È possibile che i semi germinino nel sacco a queste temperature quando sono pronti a farlo, se lo fanno, rimuovili dal sacco e piantali con cura.

Al termine del periodo di pre-trattamento, i semi dovrebbero essere pronti per essere piantati. Piccole quantità possono essere seminate in vasi o vassoi di semi riempiti con un compost di buona qualità e coprirli con un sottile strato di compost non più profondo di 1 cm. Per quantità maggiori è più facile seminare i semi in un semenzaio ben preparato all'aperto una volta terminati i pretrattamenti caldi e freddi e attendere che compaiano le piantine.

I semi che non hanno germinato possono ripetere nuovamente l'intero processo caldo e freddo e dovrebbero comportare livelli più alti di germinazione. Le piantine fresche possono continuare a germogliare per diversi anni dopo la data di semina originale.

Non esporre i semi appena seminati a temperature elevate (superiori a 25 gradi Celsius). Mantieni le piantine ben irrigate e libera l'erba. La crescita nel primo anno è di solito tra 5 e 15 cm a seconda del periodo di germinazione e le tecniche culturali e lo sviluppo di piantine sono di solito senza problemi. Consentire loro di crescere per almeno 2 o 3 anni prima di piantarli in posizione permanente.
Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!


[img]Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links![/img]
Avatar utente
Sherwood2
Messaggi: 1192
Iscritto il: martedì 20 ottobre 2015, 15:10
Provincia: Milano
Località: Hinterland nord est

Re: Torreya

Messaggio da Sherwood2 » lunedì 14 ottobre 2019, 8:46

Si' insomma...non devi avere troppa fretta
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti