Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Frutticoltura in generale e piante da frutto di comune coltivazione in Italia: per parlare delle piante da frutto rare e antiche. È la sezione principale del forum, dedicata a tutti gli aspetti della frutticoltura amatoriale in Italia. I frutti esotici non tropicali vanno in questa sezione.
Rispondi
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 2055
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
Zona USDA: 9a

Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da hereistay » venerdì 17 maggio 2019, 20:42

Una domanda a cui non sono mai riuscito a trovare una risposta.
L'erba è utile averla in modo che gli insetti dannosi (afidi, cicaline ecc) si dedichino ad essa oppure la presenza di erba inevitabile porta insetti sulle nostre piante?
Per esempio la oxythyrea funesta che danneggia i fiori dicono sia attirata molto dalle calle e la presenza di queste aiuterebbe a non farle andare su altre piante.
Ricordo inoltre, vagamente, che si utilizzano delle "erbe fiorite" per attirare insetti utili...ne esistono anche per "distrarre" insetti non buoni?
D'altro canto, contro la Xylella si pratica il taglio (o il diserbo?) dell'erba affinché il vettore (sputacchina) non si presenti.
Ovviamente nell'ultimo caso si utilizzano anche insetticidi.
Cosa sapete voi in merito?
Avatar utente
raff
Messaggi: 633
Iscritto il: sabato 30 gennaio 2016, 15:36
Provincia: Caserta
Località: Piedimonte Matese

Re: Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da raff » venerdì 17 maggio 2019, 20:49

So che lasciare un po' di vegetazione selvatica crea cmq un habitat favorevole all insediamento di predatori degli animali dannosi, quali altri invertebrati, piccoli vertebrati ecc.
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 395
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica

Re: Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da Thomasdelgreco » venerdì 17 maggio 2019, 20:54

Non so se ci sia un utilità comprovata ma secondo me sarebbe una buona cosa gli insetti dannosi sarebbero distribuiti comunque e non localizzati solo sulle piante da frutto , gli insetti buoni sarebbero più contenti ovviamente di un ambiente più “naturale” le api in primis
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 5564
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Re: Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da Pancrazio » venerdì 17 maggio 2019, 22:10

Il problema dell'erba ma come di altre piante negli spazi relativi alla coltivazione dei nostri frutti è che spesso appaiono in competizione ma la verità è che virare verso la naturalità presuppone restare in equilibrio anche con gli insetti "cattivi" e bloccarne le pullulazioni ma non cercarne l'estinzione, salvo quelli estranei al nostro ecosistema.
Il ragionamento è semplice, se io ho un piccolo orto in mezzo ai palazzi (ma vale anche per i campi di campagna) e estinguo un insetto nocivo, immediatamente si estingueranno tutti gli insetti buoni che di quell'insetto nocivo si nutrivano. Così al primo ritorno di una coppia feconda di insetto nocivo non ci sarà più nessuno a controllarlo e nessun altro insetto potrà venire a salvarmi rendendo le pullulazioni molto più forti e gravi ed obbligandomi al controllo chimico e così via.
Per evitare questo una soluzione può essere creare spazi di naturalità, il più possibile somiglianti agli ambienti naturali locali, così che si possano stabilire quelle catene di relazioni che rendono questi ambienti meno favorevoli alle pullulazioni e più equilibrati.
L'erba quindi attira gli insetti cattivi e quelli buoni ed in nessun caso questo è un male.
Per la farlo con la migliore efficienza la cosa migliore è lasciare il prato naturale che si sviluppa sull'area senza focalizzarsi in semine. Le semine servono se si vogliono ottenere scopi particolari.
"Quello che non si condivide, si perde."

(Non scrivetemi messaggi privati per consigli di coltivazione; c'é un forum apposta per questo)
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 2055
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
Zona USDA: 9a

Re: Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da hereistay » sabato 18 maggio 2019, 12:12

Quindi, nella pratica, l'erba va lasciata?
Va "rasata"?
Il terreno andrebbe "zappato" ogni tanto? Il sovescio andrebbe fatto?
Oppure andrebbe lasciato tutto allo stato brado?
Per esempio tra filari di piante andrebbe lavorato il terreno e tolta l'erba?
Oppure è nei confini del terreno che andrebbe lasciata l'erba?
Avatar utente
Lory
Messaggi: 808
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:16
Provincia: Estero (Outside Italy)
Località: Filippine 9.9 °N
Zona USDA: 14a

Re: Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da Lory » sabato 18 maggio 2019, 15:52

Credo che Pancrazio abbia spiegato tutto molto bene.
Io lascio erba tra i filari, la falcio solo per una questione di comodità (altrimenti diventa una selva!)
Intorno ai fusti delle piante però sono meticoloso ed elimino tutte le infestanti per un raggio di almeno mezzo metro. Rigorosamente A MANO.
Ma questa è una fissa mia, non amo l'idea che radici di altre piante competano con quelle degli alberelli, soprattutto se ancora piccoli.
Lorenzo
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 5564
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Re: Ma l'erba attira gli insetti "cattivi" o li distrae?

Messaggio da Pancrazio » sabato 18 maggio 2019, 23:11

Diciamo che l'erba fa anche concorrenza radicale quindi nelle immediate vicinanze della pianta sarebbe meglio rimuoverla pacciamando o fresando leggermente. Per il resto spazialmente ai fini di lotta biologica/integrata non so se si ci siano consigli. Certamente la distanza non dovrebbe essere di decine di metri. Considera che se il terreno ha anche una minima inclinazione l'erba è meglio lasciarla su tutta la superficie per motivazioni di erosione del suolo.
Un'altra cosa è questa, che non ci si può aspettare miracoli da due metri quadri di erba non falciata in un campo di 10 ettari, ovviamente vi deve essere un minimo di proporzione tra le aree "naturali" e quelle coltivate. Infine lasciare l'erba è un po' poco, se si ha possibilità non sarebbe male ricostruire formazioni di mantello/siepe naturale che possano ricostruire un minimo di ecosistema "selvaggio" (un albero locale, cespugli locali, piantati alla base dell'albero, e intorno a questo erba). In questa maniera si permette che uccelli, micromammiferi possano anche ripararsi un minimo e con l'arrivo di queste creature si puà attivare tutto un sistema di rleazioni più ad ampio raggio (i micromammiferi ad esempio possono disperdere semi di piante selvatiche da altre aree).
"Quello che non si condivide, si perde."

(Non scrivetemi messaggi privati per consigli di coltivazione; c'é un forum apposta per questo)
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: junior e 3 ospiti