Hippophae rhamnoides cultivar

Frutti del bosco a clima temperato e freddo, e della macchia mediterranea, e frutta "secca".
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da LiborioAsahi »

Buonasera,
stavo pensando di prendere qualche esemplare di olivello e volevo capire se esistono cultivar e se sì, se sono degne di interesse e reperibili.

Inoltre, avete idea di quale sia un rapporto adeguato fra femmine e impollinatore?

Grazie.
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2177
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da Thomasdelgreco »

Certo , ne esistono numerose, chi più da succo chi da trasformati e qualcuna anche da mangiare “fresca”a quanto ho letto. Basta cascare in qualche vivaio dell’est ed avere una vasta scelta.

I rapporti son sempre difficilmente quantificabili x un infinità di variabili
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 3903
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da Iaia »

LiborioAsahi ha scritto: martedì 23 novembre 2021, 22:16 Buonasera,
stavo pensando di prendere qualche esemplare di olivello e volevo capire se esistono cultivar e se sì, se sono degne di interesse e reperibili.

Inoltre, avete idea di quale sia un rapporto adeguato fra femmine e impollinatore?

Grazie.
Coltivo l'olivello da più di dieci anni, in origine erano tre piante femmina e un maschio, ma negli anni sono aumentate le seconde per via della tendenza a pollonare (anche a distanza di metri). La produttività delle singole piante non è calata nonostante siano il doppio, quindi direi che fino a cinque/sei femmine e un maschio non ci sono problemi. Va detto però che la prima, non subendo potature, è diventata una pianta grande, mentre le seconde subiscono potature.
In realtà per un uso familiare non c'è bisogno di così tante piante; producono tantissimo e la raccolta è difficoltosa per via delle spine, notevoli nelle femmine, quasi assenti nel maschio. Alla fine ho trovato quella che per me è la soluzione migliore: taglio interi rametti e poi con le forbici, in casa, stacco i frutticini. In questo modo, avendo tante piante, nessuna viene sacrificata in modo particolare, visto che da ognuna raccolgo al massimo una ventina di rametti e quello che non tolgo resta per gli uccellini. Raccogliere i frutti a mano direttamente dalla pianta è quasi impossibile; quando sono ben maturi e pieni di succo scoppiano toccandoli, quindi vanno staccati con il picciolo e le forbici per questo motivo.
Il sapore mi ricorda alcuni frutti di passiflora e li uso nelle marmellate e sullo yogurt. Non è però una varietà selezionata.

Da queste foto penso si intuisce il lavoro che c'è dietro alla raccolta. Oltre ad olivello ci sono anche goumi 'Fortunella' e aronia.

.
Screenshot_2021-11-24-08-56-00-526_com.miui.gallery.png
Screenshot_2021-11-24-08-56-00-526_com.miui.gallery.png (616.32 KiB) Visto 100 volte
.
Screenshot_2021-11-24-08-57-22-160_com.miui.gallery.png
Screenshot_2021-11-24-08-57-22-160_com.miui.gallery.png (372.09 KiB) Visto 100 volte
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da LiborioAsahi »

Iaia ha scritto: mercoledì 24 novembre 2021, 8:34 Coltivo l'olivello da più di dieci anni, in origine erano tre piante femmina e un maschio, ma negli anni sono aumentate le seconde per via della tendenza a pollonare (anche a distanza di metri). La produttività delle singole piante non è calata nonostante siano il doppio, quindi direi che fino a cinque/sei femmine e un maschio non ci sono problemi. Va detto però che la prima, non subendo potature, è diventata una pianta grande, mentre le seconde subiscono potature.
In realtà per un uso familiare non c'è bisogno di così tante piante; producono tantissimo e la raccolta è difficoltosa per via delle spine, notevoli nelle femmine, quasi assenti nel maschio. Alla fine ho trovato quella che per me è la soluzione migliore: taglio interi rametti e poi con le forbici, in casa, stacco i frutticini. In questo modo, avendo tante piante, nessuna viene sacrificata in modo particolare, visto che da ognuna raccolgo al massimo una ventina di rametti e quello che non tolgo resta per gli uccellini. Raccogliere i frutti a mano direttamente dalla pianta è quasi impossibile; quando sono ben maturi e pieni di succo scoppiano toccandoli, quindi vanno staccati con il picciolo e le forbici per questo motivo.
Il sapore mi ricorda alcuni frutti di passiflora e li uso nelle marmellate e sullo yogurt. Non è però una varietà selezionata.

Da queste foto penso si intuisce il lavoro che c'è dietro alla raccolta. Oltre ad olivello ci sono anche goumi 'Fortunella' e aronia.
Di Fiumi ne ho 3o4 tipi differenti, appena messi in terra.
Dato che voglio coprire una recinzione enorme, avevo pensato di cercare diverse varietà anche di olivello, ma devo dire di non aver trovato granché.

La questione delle spine per la raccolta so già che sarà una gran scocciatura per me 😅 dopo un po' mi stanco e non vado molto per il sottile, suppongo che mi ritroverò le mani "a groviera".
E utilizzerò sicuramente il tuo metodo, anche se immagino di dover aspettare un po'perché la pianta si sviluppi a modo.
A che distanza hai piantato un esemplare dall'altro?

Io appunto per nascondere la recinzione (che proprio non mi piace vederla) pensavo a circa 2 metri uno dall'altro, può andar bene da quel che hai visto?
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da LiborioAsahi »

Thomasdelgreco ha scritto: martedì 23 novembre 2021, 22:44 Certo , ne esistono numerose, chi più da succo chi da trasformati e qualcuna anche da mangiare “fresca”a quanto ho letto. Basta cascare in qualche vivaio dell’est ed avere una vasta scelta.

I rapporti son sempre difficilmente quantificabili x un infinità di variabili
Avresti qualche link di questi vivai dell'est?
Perché io mi sono arenato miseramente 😅
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2177
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da Thomasdelgreco »

LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 24 novembre 2021, 13:17 [quote=Thomasdelgreco post_id=80434 time=<a href="tel:1637703897">1637703897</a> user_id=590]
Certo , ne esistono numerose, chi più da succo chi da trasformati e qualcuna anche da mangiare “fresca”a quanto ho letto. Basta cascare in qualche vivaio dell’est ed avere una vasta scelta.

I rapporti son sempre difficilmente quantificabili x un infinità di variabili
Avresti qualche link di questi vivai dell'est?
Perché io mi sono arenato miseramente 😅
[/quote]


[Per vedere i link effettua il login!]
Ti dó questo perché è affidabile, però devi scrivere x email x fare gli acquisti .ci son comunque tante altre cultivar anche migliori da qual che leggo
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 3903
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da Iaia »

LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 24 novembre 2021, 13:16 Io appunto per nascondere la recinzione (che proprio non mi piace vederla) pensavo a circa 2 metri uno dall'altro, può andar bene da quel che hai visto?
All'inizio anche le mie stavano a quella distanza, poi con i polloni si sono infoltite. Non ne hanno patito, un po' come le asimine, pollonano ovunque ma in mezzo ai loro polloni sembrano star bene.
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da LiborioAsahi »

@Thomasdelgreco grazie.

Iaia ha scritto: mercoledì 24 novembre 2021, 16:38
LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 24 novembre 2021, 13:16 Io appunto per nascondere la recinzione (che proprio non mi piace vederla) pensavo a circa 2 metri uno dall'altro, può andar bene da quel che hai visto?
All'inizio anche le mie stavano a quella distanza, poi con i polloni si sono infoltite. Non ne hanno patito, un po' come le asimine, pollonano ovunque ma in mezzo ai loro polloni sembrano star bene.
A te pollonano le asimine? Io ne ho 2, da 4o5 anni ma non mi è mai successo!

Comunque per gli olivello, essendo una copertura per una recinzione, tanto meglio se pollonano e si infittiscono!
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 3903
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Hippophae rhamnoides cultivar

Messaggio da Iaia »

Anche le asimine sono vecchiotte, non ricordo bene a che età hanno cominciato a pollonare.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti