Malus florentina

Come innestare: materiali, conservazione delle marze, acquisto dei portainnesti e tutto quanto riguarda la pratica dell'innesto per piante da frutta temperate, tropicali, ed agrumi
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Malus florentina

Messaggio da LiborioAsahi »

Buondì,

Volevo capire se il Malus florentina può essere usato come portainnesto per altri Malus?
L'idea mi è venuta perché (oltre ad essere apparentemente molto resistente alle malattie) nonostante sia una pianta meno vigorosa dei comuni meli da seme, sembra avere un espanso apparato radicale che le permette di essere ben ancorata al terreno e di non soffrire granché la carenza di acqua (a differenza di altri portainnesti commerciali che vanno impalati e irrigati su base costante)

Avete notizie in merito?
beppe6
Messaggi: 217
Iscritto il: mercoledì 14 ottobre 2020, 18:51
Provincia: Lucca
Località: Camaiore
USDA Hardiness Zones: 7b

Re: Malus florentina

Messaggio da beppe6 »

Non ho notizie in merito all'uso di Malus florentina come portainnesto di cultivar di melo, il problema della sensibilità all'asciuttore e dello scarso ancoraggio dei portainnesti clonali deboli del melo può essere risolto usando portainnesti più vigorosi tipo M11 e MM111 che hanno un ampio apparato radicale, un altro promettente portainnesto sembra il polacco A2 anche questo vigoroso e con ampio apparato radicale, oppure ricorrere al franco di Malus sylvestris anche se tende a ritardare la fruttificazione, ma con ampio ricorso alla piegatura dei rami si può ovviare all'inconveniente, però richiede distanze di impianto notevoli producendo alberi molto grandi e di notevole durata nel tempo.
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Re: Malus florentina

Messaggio da LiborioAsahi »

beppe6 ha scritto: lunedì 15 novembre 2021, 22:10 Non ho notizie in merito all'uso di Malus florentina come portainnesto di cultivar di melo, il problema della sensibilità all'asciuttore e dello scarso ancoraggio dei portainnesti clonali deboli del melo può essere risolto usando portainnesti più vigorosi tipo M11 e MM111 che hanno un ampio apparato radicale, un altro promettente portainnesto sembra il polacco A2 anche questo vigoroso e con ampio apparato radicale, oppure ricorrere al franco di Malus sylvestris anche se tende a ritardare la fruttificazione, ma con ampio ricorso alla piegatura dei rami si può ovviare all'inconveniente, però richiede distanze di impianto notevoli producendo alberi molto grandi e di notevole durata nel tempo.

Ho preso qualche MM111 (da maioli) per i futuri innesti, la domanda sul florentina era legata al fatto che leggendo mi sembrava meno delicato.
Effettivamente però affidarsi a portainnesti standardizzati è probabilmente la scelta più comoda.

Comunque ormai che ho la curiosità, credo che appena avrò tempo sperimenterò anche questa😬

Il mio sesto d'impianto è di 5x5 praticamente per tutto, per comodità più che altro (escludo solo alcune piante, come i noci, che preferisco lasciare salire a dismisura e avrebbe poco senso tenerle "strette")
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2177
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Malus florentina

Messaggio da Thomasdelgreco »

Eviterei il malosorbus florentina essendo un ibrido potrebbe avere qualche problema con qualche cultivar oltre alla più difficile reperibilità .
Con i portainnesti clonali sei sicuramente più avvantaggiato , puoi fare anche innesti con intermedio per avere un apparato radicale forte con una chioma piccola , più laborioso ma fattibile
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 8079
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
USDA Hardiness Zones: 8b

Re: Malus florentina

Messaggio da Pancrazio »

Fattibilissimo anche nello stesso anno perché i pomi reggono bene il doppio innesto fatto lo stesso anno anche se io probabilmente nel caso del melo per ottenere i vantaggi delle due tipologie d'innesto (diciamo un m9 su un m25) innesterei abbastanza alto sul sovrinnesto e quindi farei crescere un poco prima di reinnestare
Quello che non si condivide, si perde.
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Re: Malus florentina

Messaggio da LiborioAsahi »

è un'idea molto interessante quella del doppio innesto.

Gli M25 non saprei dove procurarmeli, a dirla tutta faccio un pò fatica a reperire portainnesti specifici o anche solo dei franchi.

Ora ho preso 8 piantine di melo sylvestris e 5 M111 e per qualche sperimentazione potrei cercare M9 (in alternativa qualche portainnesto simile? non me ne intendo, non mi avevano mai interessato i portainnesti "non autosufficenti") e provare qualche doppio innesto.

@Pancrazio che vantaggi darebbe innestare più in alto sull'm9?
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2177
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Malus florentina

Messaggio da Thomasdelgreco »

LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 17 novembre 2021, 20:40 è un'idea molto interessante quella del doppio innesto.

Gli M25 non saprei dove procurarmeli, a dirla tutta faccio un pò fatica a reperire portainnesti specifici o anche solo dei franchi.

Ora ho preso 8 piantine di melo sylvestris e 5 M111 e per qualche sperimentazione potrei cercare M9 (in alternativa qualche portainnesto simile? non me ne intendo, non mi avevano mai interessato i portainnesti "non autosufficenti") e provare qualche doppio innesto.

@Pancrazio che vantaggi darebbe innestare più in alto sull'm9?
LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 17 novembre 2021, 20:40 è un'idea molto interessante quella del doppio innesto.

Gli M25 non saprei dove procurarmeli, a dirla tutta faccio un pò fatica a reperire portainnesti specifici o anche solo dei franchi.

Ora ho preso 8 piantine di melo sylvestris e 5 M111 e per qualche sperimentazione potrei cercare M9 (in alternativa qualche portainnesto simile? non me ne intendo, non mi avevano mai interessato i portainnesti "non autosufficenti") e provare qualche doppio innesto.

@Pancrazio che vantaggi darebbe innestare più in alto sull'm9?
per far sì che L intermedio influisca in maniera considerevole sul nesto è desiderabile che ci sia una determinata porzione di legno, se la porzione è troppo piccola l influenza è minima . Si trovano facilmente dati sugli innesto di melo con intermedio
LiborioAsahi
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 27 ottobre 2019, 21:15
Provincia: Modena
Località: Appennino Modenese 750mslm
USDA Hardiness Zones: 7a

Re: Malus florentina

Messaggio da LiborioAsahi »

Thomasdelgreco ha scritto: mercoledì 17 novembre 2021, 21:36
LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 17 novembre 2021, 20:40 è un'idea molto interessante quella del doppio innesto.

Gli M25 non saprei dove procurarmeli, a dirla tutta faccio un pò fatica a reperire portainnesti specifici o anche solo dei franchi.

Ora ho preso 8 piantine di melo sylvestris e 5 M111 e per qualche sperimentazione potrei cercare M9 (in alternativa qualche portainnesto simile? non me ne intendo, non mi avevano mai interessato i portainnesti "non autosufficenti") e provare qualche doppio innesto.

@Pancrazio che vantaggi darebbe innestare più in alto sull'm9?
LiborioAsahi ha scritto: mercoledì 17 novembre 2021, 20:40 è un'idea molto interessante quella del doppio innesto.

Gli M25 non saprei dove procurarmeli, a dirla tutta faccio un pò fatica a reperire portainnesti specifici o anche solo dei franchi.

Ora ho preso 8 piantine di melo sylvestris e 5 M111 e per qualche sperimentazione potrei cercare M9 (in alternativa qualche portainnesto simile? non me ne intendo, non mi avevano mai interessato i portainnesti "non autosufficenti") e provare qualche doppio innesto.

@Pancrazio che vantaggi darebbe innestare più in alto sull'm9?
per far sì che L intermedio influisca in maniera considerevole sul nesto è desiderabile che ci sia una determinata porzione di legno, se la porzione è troppo piccola l influenza è minima . Si trovano facilmente dati sugli innesto di melo con intermedio
A primavera, ammesso che trovi degli mm9, proverò a innestare su M. sylvestris e poi-ammesso che tutto vada bene-a settembre potrei provare a innestare a chip budding la cultivar di interesse su m9.

Anche se, a questo punto, dipenderà da quanto crescerà l'm9 in quel lasso temporale.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite