Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Tutto ma proprio tutto sugli Agrumi. Dalla A di Arancia alla Z di Yuzu. Per i collezionisti degli agrumi ornamentali e per chi vuole un agrumeto.
Rispondi
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 6195
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da Pancrazio » domenica 6 gennaio 2019, 1:55

Finalmente quest'anno è andato a frutto questo agrume che coltivo da un paio di anni, per cui ne posto volentieri una recensione. Credo sia la prima recensione italiana.

Il New Zealand Lemonade Tree (che mi prendo la libertà di tradurre, non molto fantasiosamente, in albero della limonata della nuova zelanda) appartiene alla schiera dei limoni "dolci". Se qualcuno sta pensando però ad una cosa del tipo delle limette della Palestina, si sbaglia di grosso. Queste ultime sono del tutto prive di agro al punto di essere insipide; l'albero della limonata della nuova zelanda ha invece un rapporto dolce/agro molto più equilibrato, facendone un agrume dal gusto tondo. Resta tuttavia un limone dolce, per cui non c'é da aspettarsi toni di agro da limone vero e proprio: in questo il frutto è assolutamente dissonante.
20181229_151611.jpg
20181229_151611.jpg (31.55 KiB) Visto 538 volte
20181229_152118.jpg
20181229_152118.jpg (41.82 KiB) Visto 538 volte
20181229_152328.jpg
20181229_152328.jpg (31.18 KiB) Visto 538 volte
Tempo fa mi era stato raccontato di una pianta poliembrionica, ed avevo fatto la teoria che potesse essere un incrocio limone-arancia (come, per dire, il limone meyer), ma annusando il frutto sinceramente le note della buccia ricordano davvero molto il mandarino, quindi forse si tratta di un incrocio limone/mandarino?.
Non ho assaggiato il frutto a morsi, ma ne ho ottenuto il succo che ho assaggiato.
I frutti sono molto succosi e facili da spremere. Il succo è assolutamente simile alla limonata: senza note acide, può essere bevuto liscio senza aggiunta di zucchero, ma secondo me trarrebbe beneficio da una leggera zuccherata. Non è però completamente privo di acido, risultando più gradevole e "sensato" delle varie limette dolci. Dove io coltivo le piante, i limoni sono assolutamente inutilizzabili per la realizzazione di limonate per l'eccessiva acidità che resiste a carichi di zucchero importanti, e questa pianta è una piacevole aggiunta per ottenere succo da bere. Può darsi che in zone favorevoli all'agrumicoltura questa pianta produca un succo di ottima qualità, visto che qui da me è già dignitoso.
In definitiva lo ritengo il migliore limone dolce tra tutti quelli che abbia provato. Non so se abbia colta il frutto nella migliore stagione. La pianta era innestata su macrophylla.
Quello che non si condivide, si perde.
Avatar utente
christian
Messaggi: 1510
Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2017, 20:24
Provincia: Ancona
Località: Falconara Marittima
Zona USDA: 9a

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da christian » domenica 6 gennaio 2019, 9:08

Bella recensione Pancrazio.
E' da un pò che lo cerco, dove l'hai preso, da Lenzi?
L'unica altra recensione italiana che ho trovato lo dava molto somigliante al sapore di una buona arancia e super produttivo, quasi stracarico, quindi non so se fosse lo stesso.
LittolPrins
Messaggi: 69
Iscritto il: domenica 6 maggio 2018, 14:03
Provincia: Padova
Località: Padova
Zona USDA: 9a

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da LittolPrins » domenica 6 gennaio 2019, 11:48

Ciao Pancrazio, grazie per la bella recensione!! Anche io avevo adocchiato il lemonade tree (per 00christian00: è in vendita anche da Squadrito...) e mi domandavo che gusto potesse avere il frutto. Mi illudevo fosse realmente dolce e potesse essere mangiato al pari di una arancia o un clementino ma mi pare di capire che non è esattamente così, posto che conserva un discreto grado di acidità, seppur inferiore a quello del limone vero e proprio. In ogni caso è una pianta “originale” e non comune, che vale la pena di conoscere.
Come è quanto a resistenza al freddo e a necessità di coltivazione?
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 6195
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da Pancrazio » domenica 6 gennaio 2019, 16:50

00christian00 ha scritto:
domenica 6 gennaio 2019, 9:08
Bella recensione Pancrazio.
E' da un pò che lo cerco, dove l'hai preso, da Lenzi?
La pianta è la stessa di Lenzi, non saprei se sia la stessa cosa che si trova in giro in Italia già adesso, di alberi della limonata negli usa so che ce ne sono due-tre cloni quindi è difficile sapere cosa giri adesso in italia ma questo dovrebbe essere il clone CRC 4181.
Forse si, l'arancia può essere un buon paragone per il sapore ma alle volte alcune arance che trovo qui di questa stagione sono acide, mentre questo non lo era.
LittolPrins ha scritto:
domenica 6 gennaio 2019, 11:48
Ciao Pancrazio, grazie per la bella recensione!! Anche io avevo adocchiato il lemonade tree (per 00christian00: è in vendita anche da Squadrito...) e mi domandavo che gusto potesse avere il frutto. Mi illudevo fosse realmente dolce e potesse essere mangiato al pari di una arancia o un clementino ma mi pare di capire che non è esattamente così, posto che conserva un discreto grado di acidità, seppur inferiore a quello del limone vero e proprio.
No, no, mi sono spiegato male, il frutto è sicuramente consumabile fresco come una arancia. Forse meno acido ancora di una arancia da supermercato.
Mi sono trattenuto da paragoni perché non so quanto sia sbucciabile rispetto ad una arancia/mandarino. Ah, altra nota: a livello aromatico, c'é forse un leggero retrogusto amaro, ma non sgradevole. Reitero: se dovete scegliere tra limetta della palestina e questo prendete questo, sempre imho, eh.
LittolPrins ha scritto:
domenica 6 gennaio 2019, 11:48
Come è quanto a resistenza al freddo e a necessità di coltivazione?
Non so niente sulla resistenza al freddo visto che essendo una piantina senza sostituti l'ho tenuta sempre molto riparata. Per la coltivazione l'ho trattata come un normale agrume.
Quello che non si condivide, si perde.
Avatar utente
Naldo
Messaggi: 332
Iscritto il: giovedì 1 dicembre 2016, 17:34
Provincia: Napoli
Località: Vesuviano

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da Naldo » lunedì 7 gennaio 2019, 13:04

Bella recenzione Pancrazio,
avevo gia' messo sotto mira il lemonade da Squadrito ma era esaurito... e quindi avevo desistito.
A questo punto, riporto la pianta in cima nella mia lista visto che un limone dolce, rimane uno
dei miei principali obiettivi.

P.s. come siamo messi come resitenza a freddo? come un comune limone (vedi lunario o zagara bianca)
o megio/peggio?

Grazie
Pubblica le tue foto sul mio gruppo fotografico per Agrumi: Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!
LittolPrins
Messaggi: 69
Iscritto il: domenica 6 maggio 2018, 14:03
Provincia: Padova
Località: Padova
Zona USDA: 9a

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da LittolPrins » lunedì 7 gennaio 2019, 22:33

Pancrazio, permettimi un’altra domanda: la pianta è rifiorente?
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 1808
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
Zona USDA: 8a

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da Iaia » martedì 8 gennaio 2019, 7:27

Un'altra pianta da prendere... Come si fa a resistere alla prospettiva di fare spremute da non dolcificare? I frutti sono grandi come limoni o un po' più piccoli?
Avatar utente
christian
Messaggi: 1510
Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2017, 20:24
Provincia: Ancona
Località: Falconara Marittima
Zona USDA: 9a

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da christian » martedì 8 gennaio 2019, 12:07

LittolPrins ha scritto:
domenica 6 gennaio 2019, 11:48
Ciao Pancrazio, grazie per la bella recensione!! Anche io avevo adocchiato il lemonade tree (per 00christian00: è in vendita anche da Squadrito...)
Squadrito non li ha fino a Settembre perché sono andati male gli innesti.
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 6195
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Re: Albero della limonata della nuova zelanda (New Zealand Lemonade Tree)

Messaggio da Pancrazio » giovedì 10 gennaio 2019, 0:37

Naldo ha scritto:
lunedì 7 gennaio 2019, 13:04
P.s. come siamo messi come resitenza a freddo? come un comune limone (vedi lunario o zagara bianca)
o megio/peggio?
Non te lo so dire perché la pianta l'ho tenuta sempre in serra fredda con i mango.
LittolPrins ha scritto:
lunedì 7 gennaio 2019, 22:33
Pancrazio, permettimi un’altra domanda: la pianta è rifiorente?
La mia non ha mai rifiorito ma ha portato due limoni. Non so se questo possa aver influito: la pianta era molto piccola.
Iaia ha scritto:
martedì 8 gennaio 2019, 7:27
Un'altra pianta da prendere... Come si fa a resistere alla prospettiva di fare spremute da non dolcificare? I frutti sono grandi come limoni o un po' più piccoli?
Grossolanamente come limoni, e visti da fuori vi assomigliano in tutto e per tutto. Non ho confronti precisi però perché le miei piante in vaso tendono a produrre "limoncini", e questa non si discosta, anzi forse li fa un po' più grossi.
Quello che non si condivide, si perde.
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite