Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Frutticoltura in generale e piante da frutto di comune coltivazione in Italia: per parlare delle piante da frutto rare e antiche. È la sezione principale del forum, dedicata a tutti gli aspetti della frutticoltura amatoriale in Italia. I frutti esotici non tropicali vanno in questa sezione.
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 3135
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
USDA Hardiness Zones: 9a

Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da hereistay »

Ho da poco messo a dimora alcune piante di nettarine e ciliegio a radice nuda.
Dovrei allevare a vaso le nettarine e a palmetta i ciliegi.
Da quello che ho capito, in entrambi i casi dovrei cimare gli astoni a 60cm circa da terra.
Alcune nettarine hanno già dei rametti laterali per cui potrei già selezionare quelli che diventeranno le future branche del vaso. Fin qui tutto ok...ma mi vengono alcuni dubbi perché leggo opinioni contrastanti: c'è chi riferisce di potare da subito e chi di aspettare almeno due anni.
Qual è la cosa corretta da fare?
Allegati
IMG_20240221_170227.jpg
IMG_20240221_170227.jpg (138.63 KiB) Visto 249 volte
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2982
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da Thomasdelgreco »

Quelli che dicono di aspettare due anni hanno un problema 😂 non sto a specificare quale .
Scherzi a parte non c’è motivo di aspettare ci sono solo motivi per cui non aspettare. Quei rametti anticipati potresti anche toglierli , son esili , conviene far sviluppare branche più robuste da un astore con rametti anticipati
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 3135
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
USDA Hardiness Zones: 9a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da hereistay »

Guardavo dei video di alcuni agronomi, ce n'è uno in particolare che dice di cimare a oltre un metro lasciando la parte centrale anche dopo lo sviluppo dei rami laterali...presumo per poi tagliarlo definitivamente in un secondo momento.
Anche un agricoltore delle mie parti mi ha detto di tagliare in due momenti il centrale perché tenderà a seccare...boh!

In ogni caso quindi dovrei togliere tutti i rametti già presenti e cimare a 60cm?
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2982
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da Thomasdelgreco »

hereistay ha scritto: venerdì 23 febbraio 2024, 22:18 Guardavo dei video di alcuni agronomi, ce n'è uno in particolare che dice di cimare a oltre un metro lasciando la parte centrale anche dopo lo sviluppo dei rami laterali...presumo per poi tagliarlo definitivamente in un secondo momento.
Anche un agricoltore delle mie parti mi ha detto di tagliare in due momenti il centrale perché tenderà a seccare...boh!

In ogni caso quindi dovrei togliere tutti i rametti già presenti e cimare a 60cm?
Quel sistema , almeno presumo si intenda quello non è il vaso classico ma il cosiddetto vaso ritardato, un sistema che ti porta alla classica forma a vaso dopo 3/4 anni quanDo si cimerà l asse centrale . Ovviamente non vuol dire abbandonare l albero , bisogna saper impostare le branche principali che poi rimarranno una volta tagliata la parte centrale , e bisogna saperlo fare perché l asse centrale si fregherà un po’ di vigoria e bisogna gestire il tutto.


Ci sono tanti sistemi , tante opinioni , ma se non si apprende o non ci viene spiegata la situazione/gestione diventa solo un caos. Se si conoscono i concetti base si può anche non seguire uno schema perché si sa come correggere le proprie azioni. Ma un non cimare,lascialo così per due tre anni resta un informazione forviante (poi magari te l han spiegato per bene e io sto solo facendo congetture ) se non sai gestirlo ti ritrovi un albero con la vegetazione sulle punte e basta , il pesco non è tra i più facili a livello di potatura non avendo gemme latenti si spoglia .
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 3135
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
USDA Hardiness Zones: 9a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da hereistay »

No no, chi mi ha riferito di non toccare la pianta nei prossimi 2-3-4 anni non mi ha spiegato nulla nello specifico.
Ho visto vari video su yt di Velonà in cui ripete sempre di cimare subito ma anche di altro agronomo che riporta di cimare prima a 110cm lasciando il centrale.
Io per non sapere né leggere né scrivere procederò con cimatura a massimo 70cm eliminando i rami anticipati...
Avatar utente
Thomasdelgreco
Messaggi: 2982
Iscritto il: sabato 12 maggio 2018, 20:25
Provincia: Caserta
Località: Gioia sannitica
USDA Hardiness Zones: 8a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da Thomasdelgreco »

Ovviamente se non ci sono gemme sperona soltanto i rametti anticipati
Avatar utente
Lory
Messaggi: 7813
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:16
Provincia: Modena
Località: Modena 45°N - Filippine 9,9°N
USDA Hardiness Zones: 9a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da Lory »

Thomas ha ragione!
Occhio che soprattutto col pesco rischi di non avere gemme dormienti sull'astone quindi controlla bene prima di eliminare i rami anticipati.
Io eliminerei solo quelli troppo bassi, gli altri li speronerei lasciando in ognuno una gemma tanto se hai germogli in sovrannumero ti sarà facile selezionarli e diradarli durante la stagione
Lorenzo
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 3135
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
USDA Hardiness Zones: 9a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da hereistay »

Allora...
Ho potato le piante...
Per i ciliegi nessun problema dato che sono praticamente astoni a parte un paio che avevano una impalcatura alta ma ho cimato a 60cm quindi nessun problema...
Per le nettarine purtroppo la maggior parte avevano i rami anticipati tagliati fino a 60cm e quasi nessuna gemma presente sul fusto, ho quindi cimato tra 70cm e 80cm.
Come già mi avete detto, dato che non ha gemme avventizie ho lasciato i rami anticipati più robusti e vicini alla cimatura e ho accorciato questi a 3-4 gemme.
Dove invece ci sono gemme (su alcune piante già hanno cacciato le foglie) ho fatto un mix, lasciando alcuni rami anticipati e alcune gemme in modo da avere futuri 3-4 rami.
Il risultato nelle foto sottostanti...spero di non aver fatto cazzate :cry:
Allegati
IMG_20240303_113921.jpg
IMG_20240303_113921.jpg (179.9 KiB) Visto 93 volte
IMG_20240303_113931.jpg
IMG_20240303_113931.jpg (168.23 KiB) Visto 93 volte
IMG_20240303_114017.jpg
IMG_20240303_114017.jpg (203.4 KiB) Visto 93 volte
Avatar utente
Lory
Messaggi: 7813
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:16
Provincia: Modena
Località: Modena 45°N - Filippine 9,9°N
USDA Hardiness Zones: 9a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da Lory »

Per me va bene, se i rametti anticipati dei peschi sono molto deboli, invece di lasciarli lunghi per per la formazione delle future branche li avrei speronati più corti per ottenere nuove gemme più vicino al fusto principale che diano origine a rami forti
Lorenzo
Avatar utente
hereistay
Messaggi: 3135
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 20:44
Provincia: Chieti
Località: Tollo
USDA Hardiness Zones: 9a

Re: Potatura allevamento drupacee appena messe a dimora

Messaggio da hereistay »

Torno su questo thread per farvi una domanda banale...
Le piante sembrano esser partite tutte senza grossi problemi...
Ora, i getti sotto i rami e/o le gemme selezionate vanno tolti?

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite