Diffusione Popillia japonica 2022

Frutticoltura in generale e piante da frutto di comune coltivazione in Italia: per parlare delle piante da frutto rare e antiche. È la sezione principale del forum, dedicata a tutti gli aspetti della frutticoltura amatoriale in Italia. I frutti esotici non tropicali vanno in questa sezione.
Avatar utente
Delvi83
Messaggi: 1732
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 9:01
Provincia: Novara
Località: Oleggio Castello
USDA Hardiness Zones: 7b

Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da Delvi83 »

Com'è la situazione quest'anno? In molti comuni del novarese disastro, in altri molto bene... Non capisco cosa influisca la sua diffusione massiccia...
Allegati
IMG_20220629_181438.jpg
IMG_20220629_181438.jpg (93.7 KiB) Visto 298 volte
IMG_20220629_181446.jpg
IMG_20220629_181446.jpg (102.73 KiB) Visto 298 volte
Click my Blog :)

[Per vedere i link effettua il login!]
gelso
Messaggi: 11
Iscritto il: lunedì 19 luglio 2021, 15:42
Provincia: Monza e della Brianza

Re: Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da gelso »

Nel mio caso, in periferia di Monza, la situazione e' migliore rispetto lo scorso anno forse perche' la siccita' prolungata ha fatto morire molti di questi insetti allo stadio larvale ma un paragone non si puo' fare perche' le variabili sono tante che possono aver fatto sviluppare piu' insetti in un posto rispetto ad un altro.
E' un problema diffuso molto nel nord Italia, in alcuni casi e' necessario intervenire per evitare di trovarsi delle piante senza foglie.
Se fai una ricerca on line trovi un sacco di siti che danno spiegazioni sui motivi della sua diffusione e su come combattere questo insetto anche se una soluzione definitiva non c'e ancora. Io cerco di limitare i danni distruggendo questo insetto dove e' possibile manualmente.

Hai aperto questo sito riportando il nome scientifico di questo insetto che penso alla maggior parte degli utenti sia sconosciuto forse se mettevi un titolo del tipo "il coleottero che infesta i nostri frutteti ed orti" piu' utenti sarebbero stati coinvolti nello scambio di opinioni e suggerimenti.
andrea67
Messaggi: 41
Iscritto il: domenica 22 novembre 2020, 11:20
Provincia: Novara
Località: Arona
USDA Hardiness Zones: 8b

Re: Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da andrea67 »

Leggo in ritardo, scusate.
Da me ha fatto i soliti disastri ma @Delvi83 abito molto vicino alla tua zona quindi penso che il livello di infestazione sia simile.
Quest'anno verso il 10 / la metà di Giugno (periodo di inizio picco) ho anche provato a dare Epik SL che da etichetta dovrebbe combattere la popillia, ma sinceramente non ho visto nessun risultato, forse perché ce n'erano in giro ormai troppe, non so.....
Ora stanno sparendo, ma in questo mese hanno fatto danni enormi. Ho 6 / 7 gambe di vigna che sono ridotte ad uno scheletro, e parecchi ciliegi senza più foglie nella parte più alta della pianta.
Spero davvero che possano trovare qualcosa di utile per combatterla perché sebbene le piante di cui parlo siano grosse e quindi in grado di riprendersi, è sempre una sofferenza vederle in questo stato.
gelso
Messaggi: 11
Iscritto il: lunedì 19 luglio 2021, 15:42
Provincia: Monza e della Brianza

Re: Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da gelso »

andrea67
riguardo questo problema ho appena visto che c'e un utile link della regione lombardia con molte informazioni e cosa fare e non fare.....
(e' da tener presente per il prossimo anno):

[Per vedere i link effettua il login!]
andrea67
Messaggi: 41
Iscritto il: domenica 22 novembre 2020, 11:20
Provincia: Novara
Località: Arona
USDA Hardiness Zones: 8b

Re: Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da andrea67 »

Scusami @gelso , ho visto solo ora il tuo msg.
Ho letto la pagina della regione Lombardia ma non mi sembra dica nulla di nuovo - purtroppo - sui possibili trattamenti.
Una pagina interessante è quella che riporta i possibili trattamenti:
[Per vedere i link effettua il login!]

e come adulticida vedo che viene indicato anche Epik SL che, come scrivevo prima, ho provato a dare quest'anno (un solo trattamento nel mio caso) ma con risultati non molto positivi, forse perché ho trattato troppo avanti nella stagione, non so.

Spero davvero che possano trovare qualcosa di efficace .....
gelso
Messaggi: 11
Iscritto il: lunedì 19 luglio 2021, 15:42
Provincia: Monza e della Brianza

Re: Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da gelso »

andrea67, in questo link
[Per vedere i link effettua il login!]
dice di usare trattamenti a base di Azadiractina (olio di neem) "per un’azione repellente verso l’insetto e tra i rimedi naturali il neem sembra essere il più efficace" ma nei commenti alla fine dell' articolo chi lo ha provato dice che non ha ottenuto buoni risultati

Come gia' ho riportato se non hai tante piante da difendere il miglior metodo e' quello manuale:
alla mattina o sera si lasciano catturare facilmente, io uso un piccolo barattolino di plastica trasparente ti avvicini alla foglia e li racchiudi nel barattolino con il suo coperchio lasciando scorrrere fuori la foglia, poi agiti per pochi secondi il barattolino per stordirli e li schiaccio per terra.

Stanno comunque cercando di contrastare la sua diffusione con inserimento di antagonisti naturali speriamo di vedere tra pochi anni risultati positivi.
andrea67
Messaggi: 41
Iscritto il: domenica 22 novembre 2020, 11:20
Provincia: Novara
Località: Arona
USDA Hardiness Zones: 8b

Re: Diffusione Popillia japonica 2022

Messaggio da andrea67 »

L'olio di Neem l'ho provato lo scorso anno così come il piretro: nessun effetto purtroppo.
Il metodo della raccolta manuale da me lo escludo, ho una sessantina di piante..... tutte le sere mio padre si fa la passeggiata con la bottiglia e ne raccoglie sempre tante, ma loro non sono tante, sono migliaia! è una lotta impari....

Poi tieni conto che il problema non è tanto il numero delle piante quanto la dimensione: ho 4 ciliegi che hanno una ventina d'anni e sebbene mio padre li abbia sempre tenuti "bassi", arrivano comunque a 3 metri, cioè ad altezze alle quali arrivi solo con la scala. A quel punto gli insetti che rimangono in alto (dove tra l'altro iniziano a presentarsi quando arrivano) sono più che sufficienti per continuare a riprodursi.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite