Radici spiralizzate?

Frutticoltura in generale e piante da frutto di comune coltivazione in Italia: per parlare delle piante da frutto rare e antiche. È la sezione principale del forum, dedicata a tutti gli aspetti della frutticoltura amatoriale in Italia. I frutti esotici non tropicali vanno in questa sezione.
Rispondi
Avatar utente
giovalx
Messaggi: 631
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2020, 23:11
Provincia: L'Aquila
Località: Tornimparte (730 m slm)
Zona USDA: 7b

Radici spiralizzate?

Messaggio da giovalx »

A luglio ho messo in terra un piccolo alberello di ciliegio che era in vaso da molti anni. L'alberello era chiaramente sofferente e pensavo che messo in terra migliorasse rapidamente. Dopo due mesi però manifesta gli stessi problemi che aveva in vaso. Sembra mancanza di acqua, ma non può essere perché lo bagno abbondantemente.
20200905_105459.jpg
20200905_105459.jpg (138.62 KiB) Visto 99 volte
Potrebbe essere dovuto alla spiralizzazione delle radici per la lunga permanenza in vaso? Quando l'ho tolto dal vaso non ho toccato il pane radicale perché erano giorni di temperature roventi e temevo di danneggiarlo ulteriormente.
Ora però non so come comportarmi. Aspetto che la pianta vada in dormienza e la espianto per potare le radici?
_________________________________________________________
Grazie a tutti i partecipanti a questo bellissimo ed utilissimo forum
Giorgio
Avatar utente
Pancrazio
Messaggi: 7435
Iscritto il: martedì 29 settembre 2015, 22:56
Provincia: Firenze
Località: Firenze Città e Casentino
Zona USDA: 8b

Re: Radici spiralizzate?

Messaggio da Pancrazio »

Beh, si potrebbe essere il corso d'azione migliore. Ci sono diversi problemi.
1) "In vaso diversi anni" significa sicuramente radici spiralizzate, e questo DEVE essere almeno corretto se si desidera un pianta in salute che viva molti anni.
2) La spiralizzazione è un problema che determina problemi a cascata, per cui richiede DIVERSI anni per essere corretta, il recupero tendenzialmente non è rapido.
3)Non si trapianta mai in estate salvo che non vi si sia obbligati (ad esempio un contratto in scadenza che prevede l'inserimento di tot piante in una data area). Le piante non possono essere "lavorate" adeguatamente d'estate ed i tempi di recupero si allungano. Diciamo che dopo febbraio i giochi sono fatti, e si lavora nuovamente a novembre.
Per la pianta, allo stato attuale la cosa migliore è probabilmente lasciarla stare fino alla perdita delle foglie, espiantarla, verificare lo stato delle radici, e reimpiantarla. Non so se sia il caso di liberare completamente l'apparato radicale, riportarla a "radice nuda". Potrebbe sicuramente permettere di correggere tutti i problemi, ma lo stress potrebbe essere eccessivo. In caso puoi optare per un taglio a croce alla base della zolla per un terzo della lunghezza di questa, che dovrebbe in parte correggere i problemi.
Quello che non si condivide, si perde.
Avatar utente
giovalx
Messaggi: 631
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2020, 23:11
Provincia: L'Aquila
Località: Tornimparte (730 m slm)
Zona USDA: 7b

Re: Radici spiralizzate?

Messaggio da giovalx »

Grazie @Pancrazio.
Ho trapiantato a luglio perché era talmente sofferente che temevo morisse.
Seguirò sicuramente i tuoi consigli: espiamterò dopo la caduta delle foglie e proverò a scoprire almeno un po' le radici per vedere in che stato siano. Quindi deciderò sul momento se lavare completamente il pane di terra oppure tagliare solo parzialmente alla base. Magari approfitterò ancora dei vostri consigli.
_________________________________________________________
Grazie a tutti i partecipanti a questo bellissimo ed utilissimo forum
Giorgio
Avatar utente
Lory
Messaggi: 3550
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:16
Provincia: Modena
Località: Modena 45°N - Filippine 9,9°N
Zona USDA: 9a

Re: Radici spiralizzate?

Messaggio da Lory »

Al 10000% è un problema radicale.
Ho avuto un kaki con lo stesso problema (acquistato da mia madre all'OBI) e dopo qualche mese di foglie accartocciate non ho resistito alla tentazione di vedere "cosa stava succedendo là sotto " e l'ho espiantato.
Aveva 3 radici in croce, tutte pietose e senza nessuna nuova crescita.
Per la pianta in questione forse Pancrazio ti ha dato il consiglio giusto, credo che or ora tu abbia ben poche opzioni in mano (a parte quella dell'espianto).
La prossima volta metti il vaso all'ombra, falle passare l'estate senza troppi stress, non esagerare con le irrigazioni (evita marciumi radicali) attendi novembre e metti la pianta a dimora lavorando bene il pane radicale (a pianta già defogliata).
Lorenzo
Avatar utente
giovalx
Messaggi: 631
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2020, 23:11
Provincia: L'Aquila
Località: Tornimparte (730 m slm)
Zona USDA: 7b

Re: Radici spiralizzate?

Messaggio da giovalx »

Ok. Grazie. L'unico dubbio che ancora ho è se a novembre mi convenga lavare via tutta la terra e riportare la pianta a radice nuda, oppure solo 'massaggiare' le radici e fare qualche taglio verticale o a croce.
Ciao
_________________________________________________________
Grazie a tutti i partecipanti a questo bellissimo ed utilissimo forum
Giorgio
Avatar utente
Lory
Messaggi: 3550
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:16
Provincia: Modena
Località: Modena 45°N - Filippine 9,9°N
Zona USDA: 9a

Re: Radici spiralizzate?

Messaggio da Lory »

Io non laverei via tutta la terra.
Massaggia bene il panetto radicale, cerca con le dita eventuali annodamenti ed intrecci, usa le forbici per tagliare se necessario in modo da aprire le radici verso l'esterno
Lorenzo
Avatar utente
giovalx
Messaggi: 631
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2020, 23:11
Provincia: L'Aquila
Località: Tornimparte (730 m slm)
Zona USDA: 7b

Re: Radici spiralizzate?

Messaggio da giovalx »

Ok. Ci proverò. Grazie ancora.
_________________________________________________________
Grazie a tutti i partecipanti a questo bellissimo ed utilissimo forum
Giorgio
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Brema, giovalx e 4 ospiti