Mango nano

Mango, banano, papaya, guava, litchi, longan, passiflora, ananas, fico d'india... per tacer del resto.
pietropuccio
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2020, 15:12
Provincia: Palermo
Località: Palermo
Zona USDA: 9b

Mango nano

Messaggio da pietropuccio »

Salve,
nella metà degli anni 90 un amico bolognese mi ha portato dalle Canarie una piantina di mango innestata, anonima, è fiorita nel 2001 o 2002, la foto che ho è del 2003, dal confronto con l'erba si evince l'altezza, da allora fiorisce e fruttifica. Non è mai stata potata ed oggi il punto più alto si trova a 1,45 m dal suolo; i frutti sono ottimi e pesano tra 500 e 600 g. La seconda foto è del 2017 quando non era ancora completamente ombreggiata ed i frutti maturavano pressochè contemporaneamente, ora (terza foto) i frutti maturano scalarmente, dal più illuminato al più ombreggiato (i primi sono stati già raccolti), la prossima primavera spero di potare la plumeria che la sovrasta per farle avere un pò più di luce.
Ho cercato di individuare la varietà, ma nessuna di quelle descritte in rete mi convince, graditi quindi gli eventuali suggerimenti dagli estimatori di questo frutto.

Mango2003.jpg
Mango2003.jpg (178.53 KiB) Visto 358 volte
mango 2017.jpg
mango 2017.jpg (175.54 KiB) Visto 358 volte
Mango oggi.jpg
Mango oggi.jpg (123.12 KiB) Visto 358 volte
Avatar utente
Iaia
Messaggi: 2974
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città, in Liguria e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
Zona USDA: 8a

Re: Mango nano

Messaggio da Iaia »

Sarebbe interessante scoprire la varietà soprattutto per chi avrà sempre necessità di coprire i mango durante l'inverno, cioè tutto il resto del paese escluse alcune zone di Sicilia, Calabria e poco altro.

Hai altre varietà di mango che crescono in modo normale? Il tuo tipo di terreno potrebbe contribuire a nanizzare la pianta?

Io sto cercando una pianta con queste caratteristiche per la Liguria, quindi spero davvero che si riesca ad identificarla come varietà 'nana'.
Avatar utente
Alessandro0303
Messaggi: 257
Iscritto il: venerdì 6 settembre 2019, 19:43
Provincia: Frosinone
Località: Collina 400mt s.l.m.
Zona USDA: 8b

Re: Mango nano

Messaggio da Alessandro0303 »

pietropuccio ha scritto:
lunedì 28 settembre 2020, 14:47
Salve,
nella metà degli anni 90 un amico bolognese mi ha portato dalle Canarie una piantina di mango innestata, anonima, è fiorita nel 2001 o 2002, la foto che ho è del 2003, dal confronto con l'erba si evince l'altezza, da allora fiorisce e fruttifica. Non è mai stata potata ed oggi il punto più alto si trova a 1,45 m dal suolo; i frutti sono ottimi e pesano tra 500 e 600 g. La seconda foto è del 2017 quando non era ancora completamente ombreggiata ed i frutti maturavano pressochè contemporaneamente, ora (terza foto) i frutti maturano scalarmente, dal più illuminato al più ombreggiato (i primi sono stati già raccolti), la prossima primavera spero di potare la plumeria che la sovrasta per farle avere un pò più di luce.
Ho cercato di individuare la varietà, ma nessuna di quelle descritte in rete mi convince, graditi quindi gli eventuali suggerimenti dagli estimatori di questo frutto.


Mango2003.jpg

mango 2017.jpg

Mango oggi.jpg
Davvero molto interessante per chi non può permettersi di tenerla in piena terra, sarebbe curioso capire cosa ne esce dal seme, se mantiene le stesse caratteristiche o diventa un normale mango selvatico
Avatar utente
Pat69
Messaggi: 635
Iscritto il: domenica 4 ottobre 2015, 16:48
Provincia: Salerno
Località: Nocera Inferiore - 43 m s.l.m.

Re: Mango nano

Messaggio da Pat69 »

Complimenti è bellissimo ! :inlove:
I frutti maturi sembrano pesche !
pietropuccio
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2020, 15:12
Provincia: Palermo
Località: Palermo
Zona USDA: 9b

Re: Mango nano

Messaggio da pietropuccio »

Il mango ringrazia, ma spera di avere un nome :D .
Alessandro0303 ha scritto:
lunedì 28 settembre 2020, 15:50
sarebbe curioso capire cosa ne esce dal seme, se mantiene le stesse caratteristiche o diventa un normale mango selvatico
Purtroppo da seme può nascere di tutto, molto raramente con caratteristiche simili e altrettanton raramente con caratteristiche migliori.
Iaia ha scritto:
lunedì 28 settembre 2020, 15:23
Il tuo tipo di terreno potrebbe contribuire a nanizzare la pianta?
Da escludere, tra l'altro è lo stesso tipo di suolo della Sicilia nodoccidentale con le coltivazioni di mango.
Esotico
Messaggi: 723
Iscritto il: domenica 12 maggio 2019, 17:56
Provincia: Estero (Outside Italy)

Re: Mango nano

Messaggio da Esotico »

@pietropuccio la cosa interessante che stò imparando leggendo sul mango e anche alcuni agrumi che certe volte con il seme nasce una nuova varietà interessante e forse più buona dell originale. Così e successo con i semi di Haden ed altri in florida
kiwoncello
Messaggi: 338
Iscritto il: martedì 23 febbraio 2016, 9:03
Provincia: Genova
Località: Golfo Tigullio, Levante Ligure

Re: Mango nano

Messaggio da kiwoncello »

Ciao Maestro PIetro! Bellissima la tua pianta: credo appartenga alla abbastanza folta schiera dei manghi nani. Per citarne qualche nome: KIng Thai, Sensation, Palmer: dall'aspetto dei frutti direi che si tratti di un Irwin.
pietropuccio
Messaggi: 30
Iscritto il: lunedì 21 settembre 2020, 15:12
Provincia: Palermo
Località: Palermo
Zona USDA: 9b

Re: Mango nano

Messaggio da pietropuccio »

kiwoncello ha scritto:
sabato 3 ottobre 2020, 11:48
dall'aspetto dei frutti direi che si tratti di un Irwin.
Ciao Kiwo, sempre gentilissimo! Grazie per i suggerimenti, l'Irwin lo escluderei, lo conosco, è coltivato nei dintorni e esportato nella UE, di presenza sono decisamente diversi.
kiwoncello
Messaggi: 338
Iscritto il: martedì 23 febbraio 2016, 9:03
Provincia: Genova
Località: Golfo Tigullio, Levante Ligure

Re: Mango nano

Messaggio da kiwoncello »

Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links!
kiwoncello
Messaggi: 338
Iscritto il: martedì 23 febbraio 2016, 9:03
Provincia: Genova
Località: Golfo Tigullio, Levante Ligure

Re: Mango nano

Messaggio da kiwoncello »

Studiando un pò la letteratura al riguardo risulta che fra i manghi noti esistono tre categorie differentemente suscettibili di "nanizzazione". Le più vigorose presentano percentualmente abbondante xylema e basso floema, l'opposto delle meno. Inoltre piante nate da poliembrionici indiani usate come portainnesto possono produrre cultivars nane e molto brevemente, le varietà più banalmente diffuse possono fare lo stesso. Perpetuare questa caratteristica è il problema.
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: argoalano, Bing [Bot], neno e 8 ospiti