Syzygium oleosum

Mango, banano, papaya, guava, litchi, longan, passiflora, ananas, fico d'india... per tacer del resto.
Rispondi
adagio73
Messaggi: 68
Iscritto il: lunedì 29 ottobre 2018, 6:50
Provincia: Teramo
Località: Sant'Omero
Zona USDA: 9a

Syzygium oleosum

Messaggio da adagio73 » giovedì 27 dicembre 2018, 15:29

Ho un discreto numero di questa mirtacea nata da seme lo scorso novembre.
Come da descrizione del sito: Per vedere i link effettua il login! - Please Login to see links! la pianta ha un bel fogliame e per ora ha dimostrato di crescere piuttosto bene in piena ombra.
Le piante sono in un locale non riscaldato con una temperatura oscillante, nel mese di dicembre, tra 10° e 12°; a questa temperatura alcune piante hanno prodotto nuovo flusso. Magari il prossimo anno le testerò all'aperto per verificare se reggono i -3 o se sono in grado di fare meglio.
Per i frutti, aspetto pazientemente!
Qualcuno ha delle esperienze con questa pianta?
Allegati
CIMG0897.JPG
CIMG0897.JPG (39.33 KiB) Visto 177 volte
Iaia
Messaggi: 1377
Iscritto il: domenica 26 novembre 2017, 16:38
Provincia: Pavia
Località: Coltivo a Milano città e nel Pavese, in pianura, a poche centinaia di metri dal Po
Zona USDA: 8a

Re: Syzygium oleosum

Messaggio da Iaia » venerdì 28 dicembre 2018, 20:05

Bellissime piante, probabilmente anche resistenti. Purtroppo non so altro, mai avute, ma sono curiosa di vedere come se la cavano fuori. La minima che puoi avere in inverno e -3 o anche peggio?
adagio73
Messaggi: 68
Iscritto il: lunedì 29 ottobre 2018, 6:50
Provincia: Teramo
Località: Sant'Omero
Zona USDA: 9a

Re: Syzygium oleosum

Messaggio da adagio73 » sabato 29 dicembre 2018, 15:49

In assenza di Burian -2/3° sono temperature minime comuni (vivo in collina e sfuggo all'inversione termica dei fondovalle dove si hanno 2-3° in meno). Quando ci sono le ondate di aria artica si raggiungono i -7/8°, ma in tale caso metto le piante in salvo in casa o in cantina. Per 1 o 2 settimane all'anno di freddo intenso è uno sforzo che posso fare.
Posterò sicuramente gli sviluppi della coltura.
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti